L’intrepido

aprile 28, 2007

merlot, l’intrepido

In qualità di unico abitante di Rio Marin in data odierna, sento il dovere di portare testimonianza dell’intrepido gesto compiuto oggi dal nostro adorato felino: egli si è finalmente spinto oltre la soglia fino ad ora impostagli ed ha respirato la brezza dei tetti. Per il momento ha scrutato l’orizzonte, cacciato una mosca e pianificato le prossime esplorazioni. Eccolo nel momento di massimo ardimento.

Annunci

Sì, devo farmi per forza uno shampoo

aprile 27, 2007

Una brutta giornata,
chiuso in casa a pensare,
una vita sprecata,
non c’è niente da fare,
non c’è via di scampo,
quasi quasi mi faccio uno shampoo.

Uno shampoo?

Una strana giornata,
non si muove una foglia,
ho la testa ovattata,
non ho neanche una voglia,
non c’è via di scampo:
sì, devo farmi per forza uno shampoo.

Uno shampoo? Sì, uno shampoo.

Schhh… scende l’acqua, scroscia l’acqua calda, fredda, calda… giusta!
Shampoo rosso, giallo, quale marca mi va meglio… questa!

Schiuma, soffice, morbida, bianca, lieve, lieve,
sembra panna, sembra neve…
La schiuma è una cosa buona, come la mamma,
che ti accarezza la testa quando sei triste e stanco,
una mamma enorme, una mamma in bianco!

Sciacquo, sciacquo, sciacquo…

Seconda passata.

Son convinto che sia meglio quello giallo senza… canfora!
I migliori son più cari perchè sono anti… forfora!

Schiuma, soffice, morbida, bianca, lieve, lieve,
sembra panna, sembra neve…
La schiuma è una cosa pura, come il latte:
purifica di dentro.
E’ una cascata, che ti dà un senso di benessere, di pulizia.
La schiuma è una cosa pura… e sacra… e bianca… come la democrazia!

Sciacquo, sciacquo, sciacquo…

Fffffff… fon!

Giorgio Gaber, Lo shampoo
(da Dialogo tra un impiegato e un non so, 1972)


In memoria di Teresina

aprile 25, 2007

Teresina dovrà attraversare il ponte fino ad almeno un terzo della sua lunghezza, quindi voltarsi ed attendere l’uscita della guardia – facendo in modo di camminare, nel momento dell’avvistamento, verso la sponda del fiume da cui proveniva.
In questo modo, la guardia non farà altro che accompagnarla proprio lì dove Teresina voleva andare…

Ricordiamo la classifica, o meglio il podio (ma le due cose coincidono, in questo caso):
1. Paddy;
2. Alberto;
3. Pi.

Buon Anniversario della Liberazione a tutti!


Altana

aprile 23, 2007

altana.jpg

La settimana scorsa, mentre inseguivamo Merlot fuggito in cima alle scale di casa, abbiamo scoperto una porticina, mai notata prima (noi stiamo al penultimo piano, e mai nulla, finora, ci aveva spinto oltre le nostre irtissime sei rampe di scale): apertala, ci siamo trovati di fronte la vista che potete osservare nella foto, la quale rivela – oltre al panorama notevole – la predisposizione del nostro tetto ad ospitare un’altana. Manca solo l’impalcato: chi ha delle tavole da farci arrivare in Laguna? La ricompensa potrebbe essere una cenetta estiva sotto le stelle…


dj SET firmato STRA

aprile 17, 2007

comunicato-alex.jpg


Breaking News: Il Ponta e il Turco

aprile 17, 2007

germania_primavera_2007_063.jpg

Per la prima volta riceviamo in redazione una richiesta di pubblicazione: trattasi di un prezioso documento iconografico che ritrae il Ponta – per chi non lo sapesse, assiduo ed amato frequentatore di Rio Marin, attualmente in esilio a Tübingen, Deutschland – amichevolmente avvinto ad un coetaneo di palese nazionalità sudmediterranea.
Ora, motivi o chiarimenti non sono giunti assieme alla preghiera di diffusione, per cui non resta che lasciarsi andare alle illazioni più disparate sul contesto nel quale è stata scattata l’immagine, nonché sulla presente situazione del Nostro all’interno dell’intricata rete sociale della piccola comunità del Baden-Württemberg: cosa spinge un giovane filosofo neolaureato, scapolo, simpatico e belloccio (ma su questo non spetta certo a me l’ultima parola) a farsi immortalare – in questi giorni d’inizio primavera – sul fondo gialliccio di un’aula di una scuola di provincia, appagato dalla compagnia d’un baffuto emigrante dall’aria saputa? Largo ai commenti!


Cosa stiamo leggendo (04 2007)

aprile 16, 2007

cosa-stiamo-leggendo-200704.jpg

Son passati molti giorni dall’ultimo post (non contando, ovviamente, l’ottima apologia livornese del Merenda, appena pubblicata), e ce ne scusiamo, ma qui si lavora, si studia e si solca avanti e ‘ndré il Vecchio Continente, mica si sta tutto il giorno palle all’aria, come qualcuno di nostra – e oramai anche vostra – conoscenza…
Nel frattempo – per l’appunto – io sono ritornato in laguna in tempo per pagare l’affitto e Rio Marin continua ad esibirsi in variegate e personalissime acrobazie letterarie. Ecco quello che ospitano i nostri comodini in questo aprile così caldo e meravigliosamente assolato:

Androsoft > “Introduzione all’analisi del film” di Francis Vanoye e Anne Goliot-Lété
Francesca > “Delirious New York” di Rem Koolhaas (nientepopodimenoché, ndr)
Giulia > “Una solitudine troppo rumorosa” di Bohumil Hrabal
Laura > “L’anno della lepre” di Arto Paasilinna
Mario Faranda > “L’isola di cemento” di J.G. Ballard
Nigi Merenda > “Il giorno della civetta” di Leonardo Sciascia
Stra > “Nessuno uscirà vivo di qui” di Jerry Hopkins e Daniel Sugerman

(Come avrete notato, questo mese abbiamo pure la new entry Giulia, che dopo la bellezza di 8 mesi di fugaci apparizioni è ora ufficialmente entrata a far parte della ciurma – ora ha persino il suo alter ego southparkiano, che potete rimirare nell’apposita sezione del blog).